REGIN project

Chi siamo

Il progetto REGIN (Regioni per l’integrazione di migranti e rifugiati) è nato per includere l’integrazione di migranti e rifugiati nelle politiche di coesione sociale a livello regionale, costruendo un quadro comune per facilitare, guidare e migliorare il lavoro delle regioni attraverso strumenti innovativi.

Questo progetto, cofinanziato dall’Unione Europea (DG HOME) nell’ambito del programma AMIF (Fondo Europeo per l’Asilo, la Migrazione e l’Integrazione), è coordinato dalla CRPM in qualità di leader di un consorzio composto da 10 partner ed è realizzato in 6 regioni europee.

Brochure del progetto

Per ottenere risultati a lungo termine, data la copertura geografica del progetto e considerando le competenze regionali e le sfide di governance multilivello, REGIN mira a:

  • Creare una rete con le autorità regionali per cooperare sull’integrazione dei migranti creando un forum per discutere, apprendere e condividere le politiche e le pratiche di integrazione;
  • Dare voce alle regioni e sottolineare il loro ruolo cruciale nell’inclusione sociale, così come nella promozione delle interazioni tra i nuovi arrivati e le società ospitanti;
  • Individuare indicatori di integrazione che saranno utilizzati per migliorare l’accuratezza, la responsabilità, la solidità e l’innovazione delle politiche e dei risultati delle autorità regionali, attraverso una ricerca basata su riscontri oggettivi e un approccio comparativo;
  • Sviluppare una serie di strumenti che favoriscano l’adattabilità e la sostenibilità delle azioni di integrazione innovative attraverso il coinvolgimento multilaterale degli stakeholder, lo sviluppo delle capacità, la formazione e la sensibilizzazione.

I nostri partner

Regioni / Pubblica amministrazione
Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime d’Europa – CRPM

La Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime (CRPM) agisce sia come think tank che come gruppo di pressione in rappresentanza di oltre 150 enti regionali di 24 paesi europei e non solo. Organizzata in varie commissioni geografiche, la CRPM lavora per mettere al centro dell’attenzione dell’Unione Europea e delle sue politiche uno sviluppo territoriale equilibrato. Le sue aree di lavoro principali sono la politica di coesione, i trasporti, il settore marittimo e della pesca, la migrazione, il clima e l’energia.


CPMR IN REGIN

In qualità di coordinatore di REGIN, la CRPM si occupa della gestione globale del progetto in linea con il piano di lavoro concordato, il calendario delle consegne e gli obblighi contrattuali. Definisce le attività, i ruoli e le responsabilità dei co-beneficiari ed è responsabile del monitoraggio e della valutazione delle attività e dei risultati del progetto. È anche responsabile della comunicazione, della diffusione e della capitalizzazione del progetto attraverso la rete dei propri membri e oltre, nonché dello sviluppo di un database di pratiche ed esperienze regionali e della mappa interattiva collegata, per evidenziare il processo di apprendimento volto a sviluppare azioni e strumenti per promuovere l’inclusione e l’integrazione nelle regioni europee.

Presidencia Do Governo Regional Dos Açores – AZZORRE

L’azione della Direzione regionale delle comunità, sotto la Presidenza del Governo delle Azzorre, si basa sul duplice aspetto della conservazione dell’identità culturale e dell’integrazione delle comunità di immigrati, emigrati e rimpatriati. Oltre a fornire servizi pubblici a questi segmenti di popolazione, promuove il dialogo tra le comunità di immigrati ed emigrati e i loro rappresentanti e ne incoraggia la partecipazione civica e politica nelle società in cui vivono.


AZORES IN REGIN

In qualità di uno dei sei partner regionali, le Azzorre testeranno gli strumenti sviluppati nell’ambito del progetto REGIN. Informeranno e lavoreranno con i funzionari pubblici e le parti interessate per comprendere il ruolo chiave dell’integrazione nel fornire coesione sociale (sessioni di formazione e sviluppo delle capacità) e promuoveranno e faciliteranno le attività interattive per favorire l’inclusione.

REGIONE CAMPANIA

L’integrazione dei migranti in Campania è gestita dalla Direzione Generale per le Politiche sociali e socio-sanitarie. La Direzione si concentra in particolare sulle politiche per promuovere l’integrazione degli immigrati extracomunitari nel mercato del lavoro.


CAMPANIA IN REGIN

In qualità di uno dei sei partner regionali, la Campania testerà gli strumenti sviluppati nell’ambito del progetto REGIN.
Informerà e lavorerà con i funzionari pubblici e le parti interessate per comprendere il ruolo chiave dell’integrazione nel fornire coesione sociale (sessioni di formazione e sviluppo delle capacità) e promuoverà e faciliterà le attività interattive e innovative per favorire l’inclusione.

Departament de Treball, Afers Socials i Families de la Generalitat de Catalunya – CATALOGNA

Il Dipartimento del Lavoro, degli affari sociali e delle famiglie è l’ente responsabile della gestione delle migrazioni del governo catalano attraverso il Segretariato per l’Uguaglianza, la migrazione e la cittadinanza. Un approccio trasversale, il consenso, il coordinamento intergovernativo, la cooperazione interamministrativa e il dialogo con la società civile sono le caratteristiche principali di questo ente che si concentra sia sull’accoglienza iniziale degli immigrati che sull’inclusione e la partecipazione nella società catalana come basi fondamentali.


CATALONIA IN REGIN

In qualità di uno dei sei partner regionali, la Catalogna testerà gli strumenti sviluppati nell’ambito del progetto REGIN. Informerà e lavorerà con i funzionari pubblici e le parti interessate per comprendere il ruolo chiave dell’integrazione nel fornire coesione sociale (sessioni di formazione e sviluppo delle capacità) e promuoverà e faciliterà le attività interattive e innovative per favorire l’inclusione. In collaborazione con il CIDOB e MPG coordinerà anche il lavoro sugli indicatori con gli altri partner regionali.

REGIÓN DE MURCIA

La Direzione Generale per i Servizi sociali e i rapporti con il terzo settore del Ministero Regionale per la Donna, l’uguaglianza, la famiglia e le politiche Sociali è l’ente responsabile dello sviluppo delle politiche della Regione Murcia per la promozione e l’integrazione degli immigrati. Il suo lavoro comprende la preparazione, il monitoraggio e la valutazione di piani e programmi relativi all’immigrazione, oltre alle competenze nel campo dei servizi sociali e del volontariato. L’approccio strategico della Regione Murcia si basa sul coordinamento tra i livelli nazionale, regionale e locale e le ONG per un’azione efficace nell’accoglienza e nell’integrazione di migranti e rifugiati.


MURCIA IN REGIN

In qualità di uno dei sei partner regionali, la Regione Murcia contribuirà alla definizione e alla sperimentazione degli strumenti e degli strumenti sviluppati nell’ambito di REGIN. Informerà e lavorerà con i funzionari pubblici e le parti interessate per comprendere il ruolo chiave dell’integrazione nel fornire coesione sociale (sessioni di formazione e sviluppo delle capacità) e promuoverà e faciliterà le attività interattive e innovative per favorire l’inclusione.

REGIONE PUGLIA

La Sezione Sicurezza del cittadino, Politiche per le migrazioni e Antimafia sociale della Presidenza regionale elabora i piani triennali per le politiche migratorie. Supervisiona e coordina le attività della Regione Puglia relative alle politiche di accoglienza, assistenza socio-sanitaria, integrazione e formazione per le popolazioni migranti.


PUGLIA IN REGIN

In qualità di uno dei sei partner regionali, la Puglia testerà gli strumenti sviluppati nell’ambito del progetto REGIN. Informerà e lavorerà con i funzionari pubblici e le parti interessate per comprendere il ruolo chiave dell’integrazione nel fornire coesione sociale (sessioni di formazione e sviluppo delle capacità) e promuoverà e faciliterà le attività interattive e innovative per favorire l’inclusione.

In collaborazione con la CRPM, coordinerà anche la selezione delle pratiche ed esperienze regionali per un database e una mappa interattiva collegata per evidenziare il processo di apprendimento dello sviluppo di azioni e strumenti per promuovere l’inclusione e l’integrazione nelle regioni europee.

LANSSTYRELSEN SKÅNE – SCANIA

Il Consiglio di amministrazione della contea di Scania (Lansstyrelsen) intende promuovere la capacità e la preparazione per l’accoglienza dei migranti appena arrivati. Conduce il suo lavoro attraverso un modello chiamato Partnership Skåne che riunisce il Consiglio di amministrazione della contea, la Regione Skåne, il Servizio pubblico per l’impiego, i comuni, le università e le organizzazioni della società civile. L’iniziativa Partnership Skåne funge da cornice per una cooperazione intersettoriale globale e per lo sviluppo metodologico a sostegno dell’integrazione di migranti e rifugiati nella regione, con particolare attenzione alla salute, alla partecipazione e all’empowerment.


SKÅNE IN REGIN

Oltre a contribuire agli strumenti e di REGIN, Scania avrà il compito di condurre un banco di prova in collaborazione con le ONG partner nell’ambito del suo precedente e continuo sviluppo di metodi relativi all’equità sanitaria e all’inclusione sociale. Il banco di prova consisterà in un servizio di consulenza che fornirà un supporto olistico ai migranti appena arrivati e in uno schema di sostegno personalizzato in base alle esigenze individuali per raggiungere l’integrazione, il sostegno psicosociale e l’empowerment.

Partner tecnici
Centro per gli Affari Internazionali di Barcellona – CIDOB

Il CIDOB è un centro di ricerca sugli affari internazionali che, attraverso l’eccellenza e la rilevanza, mira ad analizzare le questioni globali che influenzano le dinamiche politiche, sociali e di governance, dall’ambito internazionale a quello locale. Il CIDOB promuove l’innovazione nell’analisi della politica globale e affronta la migrazione da una triplice prospettiva: come argomento di politicizzazione nei dibattiti pubblici, come oggetto di politiche pubbliche e in relazione alle sue forme di governance


CIDOB IN REGIN

In collaborazione con MPG, Instrategies e la Catalogna, il CIDOB svilupperà una serie di indicatori per misurare l’efficacia delle politiche e dei risultati dell’integrazione a livello regionale e costruirà un indice basato sulla metodologia MIPEX già esistente a livello nazionale. Sarà inoltre coinvolto nella stesura di briefing e resoconti sulle politiche.

INCLUSIVE STRATEGIES SL

Instrategies è un think & do specializzato in affari europei e internazionali, che si concentra su mobilità, migrazione e gestione della diversità. Svolge attività di ricerca e offre un sostegno strategico a istituzioni, aziende e organizzazioni che vogliono sviluppare politiche, strategie e progetti legati a questi settori e ottimizzare la loro presenza europea e internazionale.


STRATEGIES IN REGIN

Instrategies è responsabile dello sviluppo di un toolkit regionale per favorire l’integrazione e l’inclusione. Ciò include un quadro di valutazione delle politiche, la formazione del personale regionale e lo sviluppo delle capacità degli stakeholder. Instrategies contribuirà anche allo sviluppo e all’analisi degli indicatori di risultato e saranno responsabili del coordinamento delle attività di comunicazione e di diffusione in collaborazione con la CRPM.

Migration Policy Group – MPG

Il Migration Policy Group è un gruppo di esperti indipendenti con sede a Bruxelles. Lo scopo di MPG risiede nella sua capacità di ispirare le reti a fornire progetti, ricerche e campagne basate sull’evidenza nei settori dell’integrazione, della migrazione e della lotta alla discriminazione.


MPG IN REGIN

In collaborazione con il CIDOB, Instrategies e la Catalogna, MPG svilupperà una serie di indicatori per misurare l’efficacia delle politiche e dei risultati dell’integrazione a livello regionale e costruirà un indice basato sulla metodologia MIPEX già esistente a livello nazionale. Sarà inoltre coinvolto nella stesura di briefing e resoconti sulle politiche.

Partner associati
Associated Partners

I partner associati del Progetto REGIN partecipano alla divulgazione e capitalizzazione dei risultati del progetto. Essi sono: